• privacy
  •  

Discovery Dog

TI FA MALE DA QUALCHE PARTE ?

Affrontiamo insieme il problema del dolore nel cane, in modo da imparare a riconoscerlo e gestirlo efficacemente. Il tempismo è importantissimo in questi casi ! 

 "Dottoressa, ma il mio cane sta soffrendo?"

Penso che questa sia la domanda che più frequentemente mi sento rivolgere dal preoccupato proprietario di un mio paziente. In effetti, capire se il tuo cane sta provando dolore o meno non è proprio facilissimo, dal momento che lui non te lo dice, perlomeno non a parole.

E' importante imparare a riconoscere i sintomi legati al dolore cronico e al disagio che questo comporta: il cane non piange, se non in risposta a dolori acuti e lancinanti, ma ha un atteggiamento dimesso, è mogio e triste; assume inoltre posizioni antalgiche per evitare di sentir male, si mette "comodo". Tu proprietario potresti avere l'impressione che il tuo amico non si sdrai più come faceva una volta, ci pensi un po' prima di salire sul letto o affrontare una rampa di scale, "misuri" i salti o sia semplicemente più rallentato nei movimenti.

Quando il dolore è cronico il cane impara a sopportare e a convivere con un dolore sordo che a tratti si riacutizza, limita i movimenti che sente più scomodi. Assume ad esempio una posizione "di falsa cifosi", arcuando verso l'alto la schiena, tanto che a volte sei indotto a pensare che il tuo amico soffra di un forte mal di pancia, oppure ringhia a cani esuberanti che si trova intorno, preoccupato di essere urtato e di conseguenza di provare dolore.

Una delle più frequenti cause di disagio e dolore dei nostri amici a quattro zampe è l'osteoartrosi, localizzata alle articolazioni, generalmente gomito, anche e carpo, o alla colonna vertebrale. Ne consegue una diminuita mobilità, per un ridotto utilizzo dell'articolazione, e dunque una perdita di tono muscolare, che protegge articolazioni e legamenti: proprio questi ultimi vengono messi sotto stress e possono subire i danni peggiori, perpetuando un circolo vizioso di infiammazione e dolore che mina il benessere del tuo amico a quattro zampe.

Per questo motivo è importantissimo intervenire il prima possibile in aiuto del tuo dolorante amico. Non solo supporto farmacologico, ma anche rimedi erboristici e naturali, esercizio controllato con mobilizzazioni specifiche, nutraceutica, la scienza dell'alimentazione a sostegno della medicina, ed infine supporti fisioterapici.
Chiediti sempre se gli atteggiamenti che manifesta il tuo cane possono essere espressione di un disagio o, peggio, di un dolore: solo in questo modo potrai intervenire tempestivamente e aiutarlo a vivere meglio!

SILVIA CATTANI
MEDICO VETERINARIO

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito usa i cookie. Accetta il loro uso. Puoi consultare la pagina privacy per maggiori informazioni in alto a destra del sito To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information